Vai al contenuto

euroLa richiesta di finanziamenti da parte delle imprese è necessaria per avere liquidità immediatamente disponibile, in periodi in cui i crediti non sono stati riscossi e i debiti sono stati pagati. Si crea un bisogno di cassa e di liquidità quando i pagamenti superano le entrate, ma si deve far fronte ugualmente alla distribuzione degli stipendi agli impiegati ed operai e all'acquisto dei fattori produttivi.

Prima di concedere finanziamenti alle imprese, gli Istituti di Credito valutano lo stato di salute dell'azienda in termini di solvibilità, affidabilità e solidità. Prima di chiedere alle banche, l'impresa può valutare il proprio stato di salute affidandosi ad aziende di servizi. In questo modo ha la possibilità di conoscere, nel più breve tempo possibile, quali sono le sue condizioni finanziarie e potrà fare scelte immediate senza aspettare la valutazione di banche e altri istituti creditizi.

Le aziende di servizi si servono del calcolo del rating, un indicatore importante ai fini della valutazione dei punti di forza e di debolezza aziendale. Un imprenditore che si rivolge alle banche aspetta dai 3 ai 6 mesi prima di ottenere la valutazione della documentazione necessaria per la concessione del credito. Le aziende di servizi anticipano i tempi, dando la possibilità all'azienda di migliorare le sue condizioni economiche e finanziarie prima di chiedere credito alle banche.

L'mportanza del Rating aziendale per ottenere finanziamenti

Le agenzie di rating lavorano a favore dell'impresa-cliente per provvedere ad un servizio innovativo, veloce ed affidabile. In alcuni casi si verifica una differenza tra il calcolo del rating da parte delle agenzie rispetto a quello delle banche. La differenza è dovuta ai pesi attribuiti ai fattori considerati o ai metodi usati per giungere al calcolo.

Il rating viene definito come l'indicatore sintetico dello stato di salute di un'azienda. Dal calcolo è possibile giungere alla valutazione dell'affidabilità dell'azienda in termini di rimborso del prestito ottenuto alla scadenza prestabilita.

Questo indicatore è stato introdotto dagli accordi di Basilea 2 e 3 e il suo calcolo è obbligatorio in tutto il Sistema Bancario Europeo. Le banche hanno l'obbligo di effettuare una valutazione del Bilancio aziendale prima di concedere credito alle imprese. Attraverso il calcolo del rating, la banca valuta il grado di rischio da sostenere nella concessione del credito, da interpretare in merito alla probabilità di restituzione dello stesso. Il risultato del calcolo è espresso da un punteggio, che è alto quando l'azienda è in buone condizioni e basso in situazioni di default.

Come si usa il rating aziendale

Dopo il calcolo del rating viene attribuita una lettera alla situazione aziendale. Le lettere C e D indicano la scarsa affidabilità dell'azienda, mentre la situazione migliore riguarda le aziende che raggiungono un grado di affidabilità AAA.

Le aziende possono anche affidarsi a dei software, ad alto livello consulenziale da acquistare online, per la valutazione degli equilibri e delle criticità aziendali. Attraverso la rielaborazione dei bilanci, il software valuta la situazione patrimoniale, economica e finanziaria dell'azienda restituendo un report in cui risultano evidenziati tabelle, grafici, indicatori di bilancio e rating.

Risulta agevole la valutazione delle performance aziendali e i dati di rating vengono calcolati sulla base delle metodologie accreditate dagli Istituti di credito più autorevoli. Un buon rating assicura all'azienda l'accesso al credito con condizioni favorevoli in termini di tasso d'interesse applicato.

Analisi qualitative e quantitative per il calcolo del rating

Per il calcolo del rating le banche si basano sugli aspetti qualitativi, quantitativi e sull'andamento aziendale degli ultimi anni. Le aziende maggiormente esposte a valutazioni negative sono le piccole e medie imprese, che sono le più numerose del tessuto imprenditoriale italiano. Gli aspetti qualitativi presi in considerazione sono il settore merceologico a cui l'azienda appartiene, la storia aziendale e l'evoluzione temporale, il management e l'organigramma, l'efficacia del controllo di gestione, il business plan e la pianificazione a medio-lungo termine.

Dall'elenco dei fattori qualitativi si desume che la banca valuta la situazione in cui si trova l'azienda sia rispetto alla crisi settore, sia rispetto a situazioni di carattere straordinario come ristrutturazioni, fusioni o diversificazioni. Tra gli aspetti quantitativi è importante la valutazione del bilancio degli ultimi tre anni, dai cui dati si calcola il ROI e il ROE che indicano la redditività aziendale in merito agli investimenti e al capitale proprio.

E' rilevante anche la valutazione della capitalizzazione aziendale, in base al rapporto tra capitale di terzi e capitale proprio. Le banche valutano anche eventuali segnalazioni alla Centrale dei Rischi su gravi incongruenze dei registri pubblici, il rapporto tra debiti a breve e medio-lungo termine, le rimanenze e l'aumento dei crediti commerciali. Un aumento dei crediti evidenzia una probabile crisi di liquidità, se i tempi della riscossione a scadenza sono lunghi.

Come avere un rating positivo

Se l'azienda ha dei fidi, per avere un buon rating deve utilizzarli nei tempi concordati. Un prolungamento ingiustificato è considerato un aspetto negativo, per cui è conveniente rinegoziarli con la banca. Il pagamento delle rate dei mutui deve avvenire con puntualità per evitare segnalazioni alla Centrale dei Rischi, indice d'insolvibilità aziendale. Per migliorare il rating l'azienda dovrebbe evitare gli insoluti da parte della clientela, agendo a monte attraverso una selezione della stessa. Ciò è indice di una buona condotta aziendale. L'azienda deve prevenire gli scoperti per ottenere valutazioni positive.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Spesso ci troviamo in un campo del nostro software LibertyCommerce e ci troviamo a dover copiare e incollare un campo.

copia e incolla ...continua a leggere "Scorciatoia per fare copia e incolla"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Ci capita spesso di trovare nelle nostre cassette postali di volantini con delle offerte pubblicitarie che riportano prezzi ben precisi e anche una data di scadenza inderogabile dell'offerta.

Con LibertyCommerce si possono realizzare delle campagne sconti con un prezzo prefissato in modo semplice e con pochi passaggi.

Offerta volantino

...continua a leggere "Offerta volantino"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Tutti gli anni dai primi di gennaio a marzo i clienti ci chiamano e ci chiedono come fare a emettere una fattura con la numerazione dell'anno precedente, dato che il programma in automatico ha ricominciato la numerazione da 1 per l'anno nuovo.cambio_numerazione1

...continua a leggere "Come emettere fatture con la numerazione dell’anno precedente"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

La fine stagione è sempre il momento dei saldi con sconto in percentuale.
Quando si fanno delle campagne di sconti bisogna procedere con la ristampa di etichette che devono riportare il prezzo originale, la percentuale di sconto e il prezzo scontato.
Con LibertyCommerce questa operazione è molto semplice.

Si possono infatti fare delle campagne di sconti in percentuale e i prezzi scontati si possono stampare su delle etichette con codici a barre, che riportano sia il prezzo originale che il prezzo scontato.

Vediamo ora come procedere :

Andiamo nella "gestione promozioni" dal menu' principale di LibertyCommerce  e creiamo una promozione cliccando su "Nuova"

Gestione promozioni

...continua a leggere "Stampare le etichette per i saldi con sconto in percentuale"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

tabelle_cap_2015Come anticipato, con il post di oggi completiamo la spiegazione legata all'uso delle tabelle per le impostazioni di base del software LibertyCommerce . La prima parte (vedi post del 24/07/2015) ha già parzialmente chiarito ai neofiti come inserire i dati legati ad alcune funzioni; nelle righe che seguono cercheremo di palesare i passaggi inerenti le voci restanti. ...continua a leggere "Le impostazioni base di LibertyCommerce – Le Tabelle – parte 2"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Come promesso, oggi dedicherò il post ad una delle soluzioni che LibertyCommerce offre ai suoi utenti: la licenza Terminal Server che consente l'uso del programma contemporaneamente a più postazioni dislocate anche a notevole distanza.

Supponete di essere a capo di un'azienda che conta un punto vendita e un magazzinoterminalserver1 collocato in un luogo diverso; oppure una realtà ancora più complessa come un punto vendita (magari di grosse dimensioni con più postazioni commerciali) con un magazzino principale e due secondari e una sede costituita solo da uffici che gestiscano la contabilità, gli approvvigionamenti, elaborino gli inventari e amministrino gli schedari e le relationship di clienti, fornitori e agenti.

Tutti gli operatori dell'azienda devono avere la possibilità di accedere al database in qualsiasi momento non solo per attingere le informazioni utili allo svolgimento del proprio compito ma anche per apportare le modifiche necessarie: il commesso che vende un prodotto lo scarica nel momento stesso in cui legge il codice a barre con il lettore ottico; il magazziniere, contemporaneamente sta "caricando" un DDT della nuova merce arrivata la stessa mattina; in ufficio, gli impiegati stanno controllando la situazione finanziaria del magazzino per pianificare ordini e approvvigionamenti del mese. Per assicurare a tutti un buon lavoro, con informazioni immediate, affidabili e garantite anche da eventuali "incidenti" quali la perdita di dati in caso di interruzione della connessione o la corruzione del database, occorre pensare ad una configurazione che metta al riparo da tutto questo. Che cosa occorre acquistare, quindi, per essere operativi?
...continua a leggere "Terminal server – Come usarlo con LibertyCommerce"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul vostro dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma avete il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuterete ad offrirvi un’esperienza migliore. Cookie policy