https://www.libertycommerce.it/blog/2018/02/in-terminal-telibertycommerce-terminal-server-5-in-cloud/
Vai al contenuto

LibertyCommerce Terminal server 5 in Cloud

Lavorare in terminal server su piu' postazioni in contemporanea anche da città diverse è possibile con la versione Terminal Server di LibertyCommerce.

Terminal server

Da quando le VM (Virtual Machine) costano sempre meno questa modalità è diventata ancora piu' semplice ed economica da implementare.

Invece di comprare un costoso server con le licenze "Call" Pacchetto da 5 o da 10 accessi contemporanei, si puo' acquistare un comodo server virtuale su ARUBA o REGISTER.

Con soli 13,90 € + iva si puo' creare una VirtualMachine su REGISTER.it che faccia accedere 2 utenti contemporanei anche da città diverse. Qui potete trovare l'offerta piu' economica.
Con questa soluzione potete installare la versione Terminal server 2 di LibertyCommerce

Configurazione Cloud Register

Se invece volete collegare fino a 5 terminali o piu' potete usare l'offerta di ARUBA che con 49,90€ al mese vi da un server virtuale con 4 giga di ram 2 CPU e 80 Giga di disco . Qui potete calcolare la vostra configurazione .
Con questa soluzione potete insllare la versione Terminal server 5 di LibertyCommerce

Quali sono i vantaggi:

  1. Non bisogna spendere somme ingenti per comprare un server con le licenze di windows
  2. Non consuma corrente elettrica
  3. Ha una banda impossibile da ottenere con un server in ufficio a meno di non avere la fibra a 100 mega bidirezionale.
  4. Si puo' facilmente raggiungere da qualsiasi postazione nel mondo con un PC un MAC o un TABLET
  5. La mia VM (Virtual Machine ha un IP fisso che non cambia)
  6. Funziona completamente su dischi SSD e percio' ha prestazioni molto piu' alte di un server economico che potrei tenere in ufficio.
  7. La fattura che mi manda il provider è una fattura per servizi solitamente scaricabile al 100%
  8. Posso spostare tutto quando voglio .

L'installazione di LibertyCommerce su queste VM va fatto da amministratore e bisogna poi configurare gli utenti che hanno accesso alla macchina. Per farlo si possono seguire una delle tante guide che si trovano sul web.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *