https://www.libertycommerce.it/blog/2020/02/veicoli-elettrici-detrazioni-fiscali/
Vai al contenuto

Veicoli elettrici detrazioni fiscali

Detrazioni fiscali auto elettrica

I veicoli elettrici sono ormai un argomento al centro di tutte le attenzioni, sopratutto adesso che l'inquinamento atmosferico sta battendo ogni record, contaminando l'aria che respiriamo quotidianamente, e facendoci sentire sempre un maggior bisogno di avere un'alternativa sicura, a impatto zero.Auto elettrica
Tra tutte le istituzioni che hanno trattato l'argomento, il Governo è forse quello più interessato a fornire ai suoi cittadini un ambiente di vita salutare, e per far ciò ha deciso di promuovere gli utilizzatori dei veicoli elettrici, e persino le imprese che si occupano dell'installazione delle famose stazioni di ricarica, tramite significative detrazioni fiscali e numerosi incentivi, scopriamo insieme quali sono.

Detrazioni fiscali riguardanti i veicoli elettrici

Come vi avevamo già accennato all'inizio, non sono stati aiutati solo i possessori di veicoli elettrici, ma anche tutte quelle imprese e aziende che si occupano della progettazione ed installazione sul territorio di stazioni di ricarica, fondamentali per poter muoversi in completa autonomia e libertà affidandosi soltanto all'energia elettrica.

La "Legge di Bilancio" anche stavolta si esprime molto chiaramente, dichiarando che chiunque utilizzi la propria disponibilità economica per acquistare ed installare una stazione di ricarica elettrica, da destinare ai privati cittadini possessori di veicoli idonei, in dieci anni avrà diritto ad una detrazione del 50% della spesa.

Ovviamente gli impianti in questione devono rispettare determinati standard, uno dei più rigidi prevede che l'infrastruttura in questione abbia almeno una presa di ricarica inaccessibile ai comuni cittadini.

Incentivi per i proprietari di auto elettriche

Oltre a sostenere le imprese che mettono a disposizione del cittadino punti di riferimento in cui ricaricare il proprio veicolo, il Governo ha deciso di aiutare anche i singoli cittadini che decidono di abbandonare la vecchia auto per passare all'elettrico. La nuova "Legge di Bilancio" ha ufficialmente comunicato una serie molto vantaggiosa di incentivi.

Innanzitutto chiunque scelga di acquistare da una concessionaria autorizzata un veicolo di classe M1, ovvero la categoria corrispondente ai veicoli elettrici progettati per il trasporto di persone, potrà rottamare il proprio vecchio veicolo ricevendo un aiuto economico pari alla quantità esatta di monossido di carbonio che il veicolo antecedente emetteva ogni chilometro.

Procedendo poi con l'analisi della conclusione della legge, si possono notare altre agevolazioni riguardanti i produttori dei veicoli elettrici e i rottamatori, che avranno grandi agevolazioni sulle spese di importo e sui costi di rottamazione.

Tasse in arrivo per i veicoli più inquinanti

Se i cittadini che hanno scelto di adeguarsi all'elettrico sono stati aiutati e sostenuti economicamente in più modi, coloro che ancora non sono riusciti ad abbandonare i veicoli inquinanti potrebbero ritrovarsi con alcune spese in più da sostenere.

Come annuncia chiaramente la legge, chiunque a partire dal primo giorno di Marzo 2019, fino al 1 gennaio 2021, decida di comprare un veicolo completamente nuovo, che dunque non ha subito alcun passaggio di proprietario, dovrà pagare un'imposta direttamente corrispondete ai grammi di biossido carbonioso rilasciate dal veicolo per chilometro.

Per farci un'idea più chiara di quello che ci vuole comunicare la legge, proviamo a immaginare che il nostro nuovo veicolo rilasci 162 grammi di gas inquinante, stando ai dati della tabella lasciata in allegato insieme alla legge, l'imposta annua sarà di ben 1000 euro, una cifra davvero notevole.

Come probabilmente avrete già capito dall'introduzione della legge, che cita la data di inizio e di conclusione della regolamentazione, questa è soltanto una sperimentazione, che in futuro potrebbe anche essere abolita.

Passare all'elettrico conviene davvero?

Ormai tutti gli automobilisti italiani si stanno chiedendo se il passaggio ai veicoli elettrici sia davvero necessario, visto i loro costi abbastanza elevati.

Facendo un breve resoconto delle imposte e delle tasse in programma per i veicoli inquinanti, possiamo però facilmente dedurre che acquistando un veicolo elettrico la spesa sarà decisamente inferiore.

Molti esperti del mondo automobilistico sostengono che in futuro molto vicino, a causa delle inquinamento nell'aria, saremo necessariamente costretti a passare all'elettrico; certo è che i governi di tutto il mondo si stanno muovendo per incentivarne l'uso, e sembrano pronti a tassare aspramente chi non vuole adeguarsi al cambiamento.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul vostro dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma avete il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuterete ad offrirvi un’esperienza migliore. Cookie policy