Vai al contenuto

Inventario. Quando si fa e a cosa serve.

https://www.libertycommerce.it/blog/2017/09/inventario-quando-si-fa-e-a-cosa-serve/

Redigere un inventario significa individuare e classificare tutti gli elementi presenti in un dato momento e luogo; questa operazione per un’azienda consiste nel calcolo della rimanenza dei beni in magazzino e viene effettuata al momento della chiusura di esercizio (di solito i primi giorni dell'anno) o per particolari esigenze dell’attività.

InventarioLe rimanenze di magazzino
Si tratta secondo la legislazione civilistica e fiscale di materie prime sussidiarie e di consumo, prodotti semilavorati o in corso di lavorazione, prodotti finiti e merci; quindi si ricomprende tutto il complesso di quei beni destinati alla vendita che si trovano in giacenza al momento della stesura dell’inventario.
Le rimanenze finali vengono poi raggruppate in categorie omogenee distinte per natura e una volta conteggiate fisicamente viene ad esse attribuito un valore. Il valore assegnato secondo la legge civilistica (art. 2426, c. 1, nn. 1 e 9) è quello di acquisto per merci, materie prime e semilavorati; valore di produzione per beni in corso di lavorazione e prodotti finiti. Il calcolo del costo di beni fungibili invece può essere stabilito attraverso il calcolo del costo medio ponderato, il metodo Fifo (primo entrato, primo uscito) o il metodo Lifo (ultimo entrato, primo uscito). Consiglio utile è quello di sviluppare dei rapporti scritti che contengano l’indicazione del tipo di prodotto, codice del prodotto e il calcolo delle unità consumate in un anno. Per far fronte a questa esigenza esistono dei software appositi come LibertyCommerce.

LibertyCommerce: il software dalle mille utilità
LibertyCommerce è un software utilizzato per supportare la gestione aziendale del magazzino, fatturazione e scadenzari; è ideale per piccole e medie imprese grazie alle proprietà di archiviazione e stampa e la sua utilità si espande alla coordinazione di più registratori di cassa per quanto riguarda i negozi e ancora, all'organizzazione delle ordinazioni ai tavoli nei ristoranti.

Attraverso LibertyCommerce è possibile effettuare ogni operazione d'inventario, all'interno del programma è possibile inserire la lista degli articoli in giacenza e visualizzare quella delle "giacenze inventariate" in precedenza con l'annotazione delle relative variazioni intervenute nel tempo. Un lavoro che può essere svolto a più riprese e che termina con la chiusura dell'inventario e la stampa. E' uno strumento utile e facilita un lavoro che richiede anche giorni di controlli, spesso compiuti congiuntamente da più persone addette alle verifiche.

Obbligo d’inventario
L’obbligo di tenuta dell’inventario di magazzino è importante per verificare la corrispondenza tra rimanenze e scritture contabili nel bilancio aziendale ed è previsto per le società di capitali, enti pubblici e privati commerciali, società di persone e persone fisiche con un’attività d’impresa e per soggetti non residenti in Italia ma che esercitano una o più attività commerciali nel territorio.
Coloro esenti dall’obbligo di inventario, possono utilizzarlo utilmente per l’accertamento delle giacenze di prodotti in magazzino e per stabilire quantità più adeguate di approvvigionamento future o ancora, per valutare se determinati beni vanno o meno esclusi dal ciclo produttivo.

Terminato il conto fisico delle rimanenze di magazzino, il valore a queste assegnato sarà incluso nelle voci di costo del risultato d'esercizio aziendale. Come abbiamo visto l'inventario di magazzino costituisce un impegno e richiede una certa attenzione sopratutto nella valutazione fiscale dei beni rimanenti in giacenza ma rappresenta prima di ogni cosa, un'opportunità aziendale di tirare le somme a fine anno e valutare l'andamento dei propri affari e della produzione.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *