Vai al contenuto

Con LibertyCommerce si possono emettere fatture elettroniche e non a soggetti esteri.
Al soggetto estero si deve consegnare il PDF oppure la stampa cartacea.

Quando emettiamo la fattura l'agenzia delle entrate ci raccomanda di seguire le seguenti raccomandazioni.

– codice destinatario XXXXXXX, non inserendo il codice fiscale;

– cap 00000;

– nel campo CodicePaese la sigla del paese di residenza del cessionario/committente;

nel campo idpartitaIVA l’identificativo IVA del cliente, oppure per le fatture emesse a soggetti privati, valori numerici convenzionali (per esempio zeri).

I soggetti “identificati”, coerentemente con quanto previsto in materia di obbligo di emissione della fattura elettronica, non sono tenuti alla presentazione dell’ esterometro."

LibertyCommerce facilita questo lavoro perche' forza nell'XML che invia allo SDI alcuni parametri in modo che possiamo fare le fatture senza sapere per forza cosa fare.

  • Forza il codice destinatario a 7 XXXXXXX
  • Gestisce la PI con tutti 9 se il cliente è fuori dall'Unione Europea indipendentemente da quello che mettiamo.
  • Forza il CAP a 99999
  • Non inserisce la provincia

Queste operazioni sono trasparenti all'utente e basta inserire il paese del destinatario per generare l'XML esatto.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

L’autofattura è un documento di fatturazione che può essere presentato da una terza parte, cioè è il cliente stesso che sarebbe responsabile dell’emissione della fattura per i servizi. Per emettere una autofattura con la fatturazione elettronica c’è bisogno di un software per autofattura. Infatti mentre prima si potevano fare su normali fogli di carta ora questi documenti vanno emessi tramite un programma per autofatture che possa generare un file xml.

Cosa sono le autofatture

L’autofatturazione è un vantaggio che molti professionisti e società hanno, previa autorizzazione dell’Agenzia delle Entrate, in modo che il destinatario della transazione o una terza parte emetta determinate fatture nel loro nome.

Per emettere l’autofattura per essere emessa deve soddisfare determinati requisiti. Il processo seguito da un cliente è il seguente: in primo luogo, quando si paga per l’acquisto, il cliente deve richiedere la fattura, indicando un indirizzo elettronico in cui è possibile ottenere la fattura. Per ottenere la fattura, il sistema richiederà determinati dati fiscali, nonché le informazioni contenute nel biglietto o la prova di acquisto, per cui è necessario salvarlo.

Sarà inoltre necessario sapere che nella maggior parte dei sistemi di fatturazione esiste una data di scadenza programmata per l’emissione delle fatture, pertanto la loro fatturazione elettronica deve essere emessa entro un determinato periodo, regolarmente sette giorni.

Questa forma di fatturazione elettronica è totalmente sicura, poiché le piattaforme di fatturazione sono collegate all’azienda che emette fatture, quindi hanno un’assicurazione diversa per salvare le informazioni fiscali.

Tra i dati da considerare importanti per il rilascio dell’autotariffa è quello di verificare che ogni acquisto abbia la propria numerazione, cioè, ogni autofattura deve avere una serie indipendente dalle altre.

Quando può essere emessa una fattura autonoma

Affinché il destinatario della fattura o di una terza parte emetta un’autofattura, devono essere soddisfatti i seguenti requisiti:

L’imprenditore o il professionista che ha eseguito l’operazione e il cliente devono concordare in anticipo per iscritto. Ciò significa che l’accordo deve essere dato prima di eseguire le operazioni e deve includere le operazioni che saranno fatturate con l’emissione di autofatture.
Ogni volta che viene emessa una fattura autonoma, deve essere soggetta ad una procedura di accettazione da parte dell’imprenditore o del professionista che esegue l’operazione. Questa procedura deve essere preimpostata da entrambe le parti.
Il cliente o la terza parte che è responsabile per l’emissione della propria fattura deve inviare una copia all’imprenditore o al professionista che esegue l’operazione.

Come fare una autofattura

I contenuti di una fattura autonoma sono uguali a quelli di una fattura. Solo i fattori seguenti devono essere presi in considerazione:

– La fattura deve essere emessa a nome dell’imprenditore o del professionista che esegue l’operazione.
– Deve seguire una serie numerica diversa dalla serie ordinaria di fatture dell’imprenditore o del professionista che esegue l’operazione.
– La frase “Fatturazione del destinatario” deve apparire sulla fattura.
– Non dovrebbe essere emessa sotto il nome di autofattura, ma di fattura.

Obblighi fiscali per l’emissione di una propria fattura

Il fatto che l’autofattura sia di responsabilità del destinatario non implica che l’imprenditore o il professionista che esegue l’operazione sia esente dai propri obblighi fiscali.

L’autofattura non ha effetto sul contribuente della tassa, che è il fornitore di servizi, non il destinatario. Ciò significa che l’autofattura deve essere registrata tra le entrate della persona che esegue l’operazione, che deve dichiarare l’IVA.

Caratteristiche dell’autofattura

L’autofattura deve contenere gli stessi dati come le fatture ordinarie, vale a dire, il numero di fattura, data di emissione, nome completo o ragione sociale, codice fiscale, sede legale, tipo / s fiscale / s, Particolare del prodotto / s o servizio / s imponibile da separato da ciascuna delle operazioni.
Il destinatario della fattura sarà colui che la emetterà, a differenza di quanto avviene in una normale operazione, dovendo consegnare i suoi dati e ciò che sarebbe l’emittente in una normale fattura.

LibertyCommerce il programma migliore per emettere un’autofattura.

LibertyCommerce si rivela essere il programma migliore per emettere un’autofattura perché le procedure di emissioni sono semplici e consentono anche a chi non ha grosse conoscenze di informatica o di economia di emettere questi documenti.

Casistica speciale

Nel caso in cui il fornitore del bene o del fornitore di servizi sia stabilito nel territorio dell’Unione europea, la fattura originale dell’operazione può essere emessa dal fornitore.
Se il fornitore del bene o dei servizi non è stabilito nell’Unione europea, sarà necessaria la fattura originale o la ricevuta contabile (come documento alternativo alla fattura), poiché non è disciplinata dalle linee guida sulla fatturazione dell’Unione europea.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

A volte, si verificano errori nell’emissione di fatture agli acquirenti o ai clienti, ciò fa sì che questi errori debbano essere risolti con meccanismi diversi, poiché la legge vieta l’eliminazione delle fatture già emesse.
LibertyCommerce è un ottimo software per le note di credito e permette la la loro generazione in modo semplice anche da chi non ha grosse competenze di informatica .
Una di queste forme è la nota di debito, che viene utilizzata quando un acquirente vuole informare un venditore che il prezzo del suo debito è aumentato o che l’importo che ha pagato è sbagliato e deve pagare di più.
La nota di debito è una ricevuta che una società invia al proprio cliente, in cui viene notificato che ha caricato o addebitato una determinata somma o valore sul proprio conto, per il concetto indicato nella stessa nota.
Questo documento aumenta il valore del debito o del saldo del conto, a causa di un errore nella fatturazione, nell’interesse, per il ritardo nel pagamento o di qualsiasi altra circostanza che significhi l’aumento del saldo di un conto. A seguire sarà illustrata una guida dettagliata su cosa sono e come funzionano le note di debito.

Cos’è la nota di debito

La nota di debito è un documento che viene inviato all’acquirente o al cliente per notificare che l’importo del proprio debito è aumentato per qualche motivo. Con questo documento ti viene comunicato che ti viene addebitato, o che devi tornare indietro, una somma di denaro per un concetto specificato nella nota. A differenza della nota di credito, è la notifica ad un acquirente che deve essere addebitato più denaro.

Funzione della nota debito

La nota di debito rappresenta il documento che un commerciante invia al suo cliente, in cui gli notifica di aver caricato o addebitato una determinata somma o valore nel suo account, per il concetto che indica. Questo documento aumenta il debito, a causa di errori nella fatturazione, interessi per ritardi di pagamento, ecc.

In quali casi viene utilizzata la nota di debito
– Nelle banche: quando al cliente viene addebitata una commissione o un francobollo applicato a un assegno depositato e ruotato su un quadrato interno.

– Nei negozi: quando il trasporto è stato pagato per la spedizione di una merce; quando vengono addebitati interessi, sigillati e commissioni su documenti, ecc

Quando il venditore vuole informare l’acquirente che ha addebitato un determinato importo sul suo conto, emette una nota di addebito. Le cause che generano la sua emissione possono essere:

– Meno errori nella fatturazione
– Interessi
– Spese di trasporto
– Spese bancarie, ecc.
– Dati obbligatori della nota di addebito
– Numero cliente, nome e cognome, fare riferimento a una fattura, numerazione, importo, importo restituito, importo totale.

Cause di emissione della nota di debito
Quando il venditore vuole informare l’acquirente che ha addebitato un determinato importo sul suo conto emette una nota di addebito. Le cause che generano la sua emissione possono essere:

– Meno errori nella fatturazione
– Interessi
– Spese di trasporto
– Spese bancarie, ecc.

Quali sono le informazioni di base che deve avere la nota di debito
Le note di debito devono contenere informazioni sull’emittente, i costi, le spese o gli interessi, della ricevuta di vendita a cui si riferiscono e l’identificazione di chi lo riceve; così come i dati dell’autorizzazione e la sua scadenza.

Programma per emissione di una nota di debito

Questo tipo di documento viene utilizzato in situazioni come un errore di fatturazione perché è stato addebitato di meno, per incassare interessi di mora su fatture non pagate, per spese bancarie o per qualsiasi situazione che implichi un aumento del saldo di un conto. La nota di addebito implica sempre un reddito per la società che lo emette .

Caratteristiche della nota di addebito

La nota di debito o la fattura del credito consente di vendere il prodotto per salvare gli errori che potrebbero essersi verificati nell’emissione delle fatture, in modo da poter recuperare i propri soldi nel caso in cui la precedente fattura indicasse un valore inferiore.

Al momento del rilascio, la nota originale verrà consegnata al compratore che sarà informato dell’aumento del suo debito e il venditore riceverà un duplicato. Per essere accettati, nella nota di credito devono essere soddisfatti alcuni requisiti, come l’inclusione dell’aumento del debito e il numero della precedente fattura corrispondente.

Dati obbligatori della nota di debito

Numero cliente, nome e cognome, fare riferimento a una fattura, numerazione, importo, importo restituito, importo totale.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Cos’è una parcella

La parcella cartacea e elettronica è un documento dedicato ai liberi professionisti (avvocati, notai, ingegneri, periti) che devono lavorare con la pubblica amministrazione. Con il software LibertyCommerce si possono emettere Parcelle normali o parcelle elettroniche da inviare alla P.A.

All’interno del programma si possono settare tutti i parametri di calcolo sia della ritenuta che degli oneri previdenziali.

Inoltre la Parcella è personalizzabile nella parte superiore per inserire una grafica personalizzata con il logo dello studio e i nostri dati fiscali.

Calcolo della ritenuta

Nella parcella va calcolata anche la ritenuta che può essere una percentuale variabile sull’80 o 100%100 del totale. Questa impostazione va configurata prima di emettere la parcella.

Netto a Pagare

Il netto a pagare solitamente è il totale meno la ritenuta, che viene pagata con un F24 da chi riceve la fattura. Alla fine di ogni anno amministrativo il cliente dovrà consegnare a chi emette la fattura la dichiarazione che queste ritenute sono state pagate.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Esiste un codice / modo per inserire in corpo ddt e fattura di LibertyCommerce  una descrizione libera senza che generi in stampa documento una quantità / unita' misura ?

Si c'e' questa possibilità settando questi due parametri. ...continua a leggere "Stampa di una descrizione in un documento di LibertyCommerce"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Il database di LibertyCommerce è un file dinamico che viene modificato continuamente dal software e come tale può essere soggetto danneggiato da eventi esterni al software che lo gestisce.

Hard disk corrotto ...continua a leggere "Perchè il database si può corrompere"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

In Italia lo scontrino fiscale viene emesso dalla stampante fiscale che ha una specifica certificazione dell’AE per questa funzione come la EPSON FP-81. In questo caso si usa un normale rotolo termico semplicemente certificato per questo utilizzo

La ricevuta fiscale viene emessa da una stampante non fiscale standard che semplicemente ha un sensore di tacca nera per produrre la ricevuta madre figlia come la EPSON TM-T86FII . In questo caso è la ricevuta stessa ad essere fiscale (ha un specifica certificazione ed una numerazione progressiva)

TM-T70 ...continua a leggere "Stampante fiscale EPSON TM-T70 è compatibile con FP 81 ?"

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul vostro dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma avete il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuterete ad offrirvi un’esperienza migliore. Cookie policy