Vai al contenuto

Scheda carburante addio ! Cosa cambia per le imprese

https://www.libertycommerce.it/blog/2018/02/abolizione-scheda-carburante-cosa-cambia-per-le-imprese/

Addio scheda carburante !
La scheda carburante andrà in pensione dopo tantissimi anni di uso da parte delle aziende e verranno modificate le regole per accedere alle detrazioni Iva.

La novità scatterà a partire dal 1° luglio 2018 e interesserà molte aziende e titolari di partita Iva: tutti coloro che sono dotati di flotte aziendali, mezzi strumentali e vetture aziendali a deducibilità ridotta.
Ovviamente resterà in vigore la possibilità di farsi rimborsare la spesa per il carburante, ma ciò sarà possibile solamente pagando con bancomat, carta di credito o carta prepagata.Fare gasolio con la nuova scheda carburante

A cosa serve
La ormai vecchia scheda carburante - istituita con un decreto ministeriale del 1997 - serviva ad attestare l'acquisto di benzina o gasolio: i dati dovevano essere riportati sull'apposito formulario data l'impossibilità per i benzinai di rilasciare scontrino o fattura.
Sulla scheda carburante andavano indicate (e ciò andrà fatto ancora fino al 30 giugno 2018) le seguenti informazioni: dati anagrafici e partita Iva dell'acquirente, data in cui è stato effettuato l'acquisto, marca, modello e numero di targa dell'autovettura, dati anagrafici del venditore e suo timbro, quantità e costo del carburante acquistato, chilometri percorsi dalla vettura e si poteva pagare sia in contanti che con bancomat o carta di credito.
Dal 1° luglio 2018 tutto ciò verrà abolito. Il benzinaio dovrà fare una fattura elettronica al cliente e si potrà pagare la benzina o gasolio solamente attraverso pagamenti elettronici.
Diversamente sarà Impossibile  scaricare la spesa.
La fattura elettronica resta non obbligatoria, invece, per tutti gli acquisti che non riguardano l’esercizio di impresa, arte e professione

I riferimenti normativi
La novità è il risultato di un emendamento alla Legge di bilancio 2018 che è stato approvato dalla Commissione Bilancio della Camera. Tale misura ha modificato la disciplina per l'acquisto dei carburanti abrogando la scheda carburante grazie all'introduzione dell'obbligo di emettere fattura elettronica. Allo stesso tempo è entrata in vigore anche la possibilità di detrarre l'Iva solo a fronte di un pagamento tracciabile: non contanti, quindi, ma necessariamente moneta elettronica.

Le nuove regole
Fino ad oggi la compilazione della scheda carburante rappresentava la documentazione necessaria ai fini Iva, per ottenerne la detrazione, sia per la deduzione del costo per l'acquisto del carburante. Ora tutto ciò viene sostituito dalla fattura e dal pagamento elettronico.
Resta invariata la deducibilità del costo del carburante, che è del 100% per autocarri maggiori di 35 quintali e per veicoli strumentali; si scende all'80% per gli agenti di commercio e al 70% per i veicoli affidati a dipendenti, infine è deducibile il 20% per l'uso promiscuo da parte di professionisti e di ditte individuali.
Come anticipato resta anche possibile detrarre l'Iva: 100% per autocarri e 40% in caso di uso promiscuo o di affidamento a un dipendente.
Agli esercenti verranno riconosciuti dei "bonus" in virtù del nuovo onere della fattura elettronica. Gli impianti di distribuzione di carburante potranno beneficiare di un credito di imposta del valore del 50% delle commissioni pagate per le transazioni avvenute tramite moneta elettronica.

L'obiettivo
Questa piccola rivoluzione ha come obiettivo l'eliminazione delle richieste di deduzioni e detrazioni non dovute. La scheda carburante, infatti, si prestava troppo facilmente a timbrature extra da parte di gestori e titolari di partita Iva. Il nuovo sistema non permette invece di questo tipo di contraffazione.

Con il software LibertyCommerce si potranno, una volta ricevute si potranno registrare queste fatture elettroniche caricandole direttamente in contabilità-

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul vostro dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma avete il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuterete ad offrirvi un’esperienza migliore. Cookie policy