Vai al contenuto

Gestire una ditta non è certamente semplice: burocrazia, elementi finanziari ed economici, incombenze gestionali, organizzative e quant'altro sono solo alcuni degli ostacoli che si devono affrontare quando in queste circostanze.Condurre una ditta

Non sbagliare mai è impossibile, gli errori sono alla base di una gestione umana, ma è importante sapere cosa non fare quando si gestisce una ditta, per evitare almeno gli sbagli più frequenti.

Molti paragonano il condurre un'azienda al comandare un vascello nel mare del mercato libero . ...continua a leggere "Cosa NON fare quando si gestisce una ditta"

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Dopo aver attivato la nostra copia di LibertyCommerce può succedere che dobbiamo spostare la nostra licenza magari sul nuovo computer che abbiamo acquistato.

La procedura per spostare la nostra licenza è molto semplice.

Dopo aver installato il software sul nuovo computer dovremo inserire il codice cliente.

Successivamente dobbiamo importare il backup che abbiamo fatto dal vecchio computer.

Una volta ripristinato il database con tutti i dati della nostra azienda  sul nuovo computer .

riattiva licenza

...continua a leggere "Come riattivare una copia di LibertyCommerce"

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

La fattura elettronica tra privati è un sistema di redazione digitale delle fatture che consente l'emissione, la trasmissione e l'archiviazione dei documenti in formato XML. Gli attori coinvolti in questo tipo di fatturazione sono l'emittente, il Sistema di Interscambio (SdI) e il destinatario.

Fattura elettronicaLe fonti normative della fattura elettronica e lo scopo

Il decreto legislativo n. 127 del 5 agosto 2015 ha disciplinato la materia in merito alla fatturazione elettronica tra privati ed è entrato in vigore il 2 settembre 2015. A partire da questa data, è stato possibile effettuare transazioni digitali estendendo la disciplina della fatturazione elettronica, già operativa tra privati e Pubblica Amministrazione.

...continua a leggere "Fattura elettronica tra privati"

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Abbiamo concentrato in un depliant alcune delle cose che facciamo . In questo depliant vi illustriamo le migliori .

Tutti i nostri rivenditori possono richiederli mandandoci un'email .

Depliant Liberty LIne

Depliant Liberty LIne

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Professionisti soggetti a ritenuta d'acconto esclusi dallo split payment
professionisti

Cos'è lo Split Payment:
lo split payment, in altri termini la scissione dei pagamenti, con la legge del 23 dicembre 2014, modifica il precedente decreto del 1972 ed introduce un nuovo meccanismo di divisione dei pagamenti, secondo cui per le cessioni dei beni o per ogni prestazione di servizi offerta allo Stato, agli organi dello Stato, agli enti pubblici o più in generale a tutte le Pubbliche Amministrazioni, l'imposta, sotto forma di IVA, viene versata direttamente dai committenti, secondo modalità differenti a seconda che i soggetti stessi siano o meno passivi di IVA.
Una vera e propria rivoluzione nel pagamento dell'IVA.
Lo Split Payment è stato introdotto con la legge di stabilità del 2015 e viene applicata a tutte quelle prestazioni di servizi che sono state fatturate dal 1° gennaio 2015 in poi.
...continua a leggere "Professionisti soggetti a ritenuta d’acconto ESCLUSI dallo split payment"

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

2

Molte volte ci capita di fare un documento di rientro di merce che abbiamo magari mandato in visione a un nostro cliente.

Vi mostriamo qui come fare per far rientrare nel magazzino i nostri articoli in modo automatico.

Emissione ddt

...continua a leggere "Documento di trasporto di rientro (DDT)"

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Start up e Hi-tech: un settore in forte sviluppo

come aprire una startupQuando si parla di alta tecnologia, le start up in Italia non sono da meno rispetto alla concorrenza mondiale. L'Hi-tech è infatti un settore in pieno sviluppo nella nostra penisola, che riesce a stare al passo con le realtà di tutto il mondo grazie anche e soprattutto agli investimenti che sono stati effettuati in questo particolare settore sia da parte delle istituzioni che da parte di aziende, incubatori eccetera.
Il 2016 si è aperto con idee ben chiare su quali possano essere le tendenze dell'Hi-tech e le start up sono già pronte a muoversi in questa direzione, che verte soprattutto sulla conferma delle presenze digitali e del data science. Tuttavia, per promuovere la nascita di nuove start up realtà e per far crescere e sviluppare quelle già esistenti per portarle al livello successivo di impresa vera e propria, sono necessari fondi, investimenti e finanziamenti.

...continua a leggere "Start up e Hi-tech: gli investimenti 2016 della nuova finaziaria"

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

euroLa richiesta di finanziamenti da parte delle imprese è necessaria per avere liquidità immediatamente disponibile, in periodi in cui i crediti non sono stati riscossi e i debiti sono stati pagati. Si crea un bisogno di cassa e di liquidità quando i pagamenti superano le entrate, ma si deve far fronte ugualmente alla distribuzione degli stipendi agli impiegati ed operai e all'acquisto dei fattori produttivi.

Prima di concedere finanziamenti alle imprese, gli Istituti di Credito valutano lo stato di salute dell'azienda in termini di solvibilità, affidabilità e solidità. Prima di chiedere alle banche, l'impresa può valutare il proprio stato di salute affidandosi ad aziende di servizi. In questo modo ha la possibilità di conoscere, nel più breve tempo possibile, quali sono le sue condizioni finanziarie e potrà fare scelte immediate senza aspettare la valutazione di banche e altri istituti creditizi.

Le aziende di servizi si servono del calcolo del rating, un indicatore importante ai fini della valutazione dei punti di forza e di debolezza aziendale. Un imprenditore che si rivolge alle banche aspetta dai 3 ai 6 mesi prima di ottenere la valutazione della documentazione necessaria per la concessione del credito. Le aziende di servizi anticipano i tempi, dando la possibilità all'azienda di migliorare le sue condizioni economiche e finanziarie prima di chiedere credito alle banche.

L'mportanza del Rating aziendale per ottenere finanziamenti

Le agenzie di rating lavorano a favore dell'impresa-cliente per provvedere ad un servizio innovativo, veloce ed affidabile. In alcuni casi si verifica una differenza tra il calcolo del rating da parte delle agenzie rispetto a quello delle banche. La differenza è dovuta ai pesi attribuiti ai fattori considerati o ai metodi usati per giungere al calcolo.

Il rating viene definito come l'indicatore sintetico dello stato di salute di un'azienda. Dal calcolo è possibile giungere alla valutazione dell'affidabilità dell'azienda in termini di rimborso del prestito ottenuto alla scadenza prestabilita.

Questo indicatore è stato introdotto dagli accordi di Basilea 2 e 3 e il suo calcolo è obbligatorio in tutto il Sistema Bancario Europeo. Le banche hanno l'obbligo di effettuare una valutazione del Bilancio aziendale prima di concedere credito alle imprese. Attraverso il calcolo del rating, la banca valuta il grado di rischio da sostenere nella concessione del credito, da interpretare in merito alla probabilità di restituzione dello stesso. Il risultato del calcolo è espresso da un punteggio, che è alto quando l'azienda è in buone condizioni e basso in situazioni di default.

Come si usa il rating aziendale

Dopo il calcolo del rating viene attribuita una lettera alla situazione aziendale. Le lettere C e D indicano la scarsa affidabilità dell'azienda, mentre la situazione migliore riguarda le aziende che raggiungono un grado di affidabilità AAA.

Le aziende possono anche affidarsi a dei software, ad alto livello consulenziale da acquistare online, per la valutazione degli equilibri e delle criticità aziendali. Attraverso la rielaborazione dei bilanci, il software valuta la situazione patrimoniale, economica e finanziaria dell'azienda restituendo un report in cui risultano evidenziati tabelle, grafici, indicatori di bilancio e rating.

Risulta agevole la valutazione delle performance aziendali e i dati di rating vengono calcolati sulla base delle metodologie accreditate dagli Istituti di credito più autorevoli. Un buon rating assicura all'azienda l'accesso al credito con condizioni favorevoli in termini di tasso d'interesse applicato.

Analisi qualitative e quantitative per il calcolo del rating

Per il calcolo del rating le banche si basano sugli aspetti qualitativi, quantitativi e sull'andamento aziendale degli ultimi anni. Le aziende maggiormente esposte a valutazioni negative sono le piccole e medie imprese, che sono le più numerose del tessuto imprenditoriale italiano. Gli aspetti qualitativi presi in considerazione sono il settore merceologico a cui l'azienda appartiene, la storia aziendale e l'evoluzione temporale, il management e l'organigramma, l'efficacia del controllo di gestione, il business plan e la pianificazione a medio-lungo termine.

Dall'elenco dei fattori qualitativi si desume che la banca valuta la situazione in cui si trova l'azienda sia rispetto alla crisi settore, sia rispetto a situazioni di carattere straordinario come ristrutturazioni, fusioni o diversificazioni. Tra gli aspetti quantitativi è importante la valutazione del bilancio degli ultimi tre anni, dai cui dati si calcola il ROI e il ROE che indicano la redditività aziendale in merito agli investimenti e al capitale proprio.

E' rilevante anche la valutazione della capitalizzazione aziendale, in base al rapporto tra capitale di terzi e capitale proprio. Le banche valutano anche eventuali segnalazioni alla Centrale dei Rischi su gravi incongruenze dei registri pubblici, il rapporto tra debiti a breve e medio-lungo termine, le rimanenze e l'aumento dei crediti commerciali. Un aumento dei crediti evidenzia una probabile crisi di liquidità, se i tempi della riscossione a scadenza sono lunghi.

Come avere un rating positivo

Se l'azienda ha dei fidi, per avere un buon rating deve utilizzarli nei tempi concordati. Un prolungamento ingiustificato è considerato un aspetto negativo, per cui è conveniente rinegoziarli con la banca. Il pagamento delle rate dei mutui deve avvenire con puntualità per evitare segnalazioni alla Centrale dei Rischi, indice d'insolvibilità aziendale. Per migliorare il rating l'azienda dovrebbe evitare gli insoluti da parte della clientela, agendo a monte attraverso una selezione della stessa. Ciò è indice di una buona condotta aziendale. L'azienda deve prevenire gli scoperti per ottenere valutazioni positive.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Spesso ci troviamo in un campo del nostro software gestionale LibertyCommerce e ci troviamo a dover copiare e incollare un campo.

copia e incolla ...continua a leggere "Scorciatoia per fare copia e incolla"

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Ci capita spesso di trovare nelle nostre cassette postali di volantini con delle offerte pubblicitarie che riportano prezzi ben precisi e anche una data di scadenza inderogabile dell'offerta.

Con LibertyCommerce si possono realizzare delle campagne sconti con un prezzo prefissato in modo semplice e con pochi passaggi.

Offerta volantino

...continua a leggere "Offerta volantino"

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather