Vai al contenuto

Fattura immediata

https://www.libertycommerce.it/blog/2015/11/fattura-immediata/
Generalità sulla fattura
La fattura rappresenta in Italia il documento fiscale e contabile, idoneo a dimostrare l'acquisto di un prodotto o di un servizio da parte di una persona fisica o giuridica, previo il pagamento di un determinato corrispettivo. La fattura è un documento a emissione obbligatoria da parte di qualsiasi operatore commerciale munito di partita iva. La violazione degli obblighi concernenti la fatturazione è sanzionata a proposito del tipo di reato commesso (falso, mancata fatturazione per evasione, ecc...). Fino a qualche tempo fa la fattura era un documento cartaceo, ma la legge italiana ha finalmente previsto anche la fatturazione di tipo elettronico, più snella e più idonea al tipo di processi commerciali della new economy.

Che cos'è la fattura immediata
Con l'indicazione di 'Fattura Immediata' è intesa l'emissione, la consegna o la spedizione presso il cliente nel momento stesso il cui quest'ultimo acquista un bene o un servizio. Solitamente la fattura immediata è emessa per ogni tipo di transazione commerciale per prestazioni di servizi o per la vendita di beni per i quali non è richiesto alcun documento che accompagni la merce acquistata dal cliente.Modalità di emissione della fattura immediata
Come per altri documenti rilevanti ai fini fiscali la fatturazione si dichiara eseguita regolarmente quando la fattura è emessa all'atto stesso in cui è consegnata al cliente. Nel caso di fatture spedite, l'emittente (ossia chi emette la fattura) non è tenuto a verificare che il cliente l'abbia ricevuta. L'attuale normativa prevede che l'emissione della fattura immediata può essere fatta valere come giustificativo unico, senza il ricorso al documento accompagnatorio quando le merci siano in viaggio nel giorno stesso in cui la fattura è stata emessa e spedita al compratore e comunque non oltre le ventiquattro ore dalla data di consegna.Utilizzo della fattura immediata rispetto al rilascio dello scontrino
Anche chi offre prestazioni di servizi o chi è tenuto all'emissione dello scontrino (o della ricevuta fiscale), può emettere una fattura immediata su richiesta del cliente al posto dello scontrino stesso. Secondo quanto previsto dall'art. 3 del DPR 696/96 la fattura deve essere emessa al posto dello scontrino all'immediata ultimazione dei servizi (naturalmente questo coincide con il rilascio della ricevuta o dello scontrino fiscale). Indicazioni obbligatorie sulla fattura immediata
Considerando che la fattura è l'unico documento che pone il venditore nella possibilità di eseguire la rivalsa dell'imposta sul compratore (e che permette a quest'ultimo di detrarre l'iva esposta dal venditore) è fondamentale che il documento contenga le informazioni che seguono:
- Data di emissione della fattura e identificazione univoca della stessa (mentre prima seguiva il criterio di numerazione consecutiva partendo da 1 per ogni anno solare);
- Dati che identificano il venditore (con l'indicazione specifica della partita iva);
- Dati che identificano il compratore (con l'indicazione della partita iva o il codice fiscale);
- Tipo e modalità di pagamento;
- Natura della prestazione o dei beni forniti;
- Valore del corrispettivo (o imponibile) dei beni o del servizio;
- Calcolo dell’imposta e sua percentuale;
- Totale dell'importo pagato dal compratore.
Le fattura differite o che accompagnano i beni recano altre informazioni che si riferiscono al trasporto, non necessarie nella fattura immediata.

Registrazione delle fatture immediate
Le fatture immediate, a differenza di tutte le altre, vanno registrate entro 15 giorni dalla loro emissione sul registro delle fatture emesse. L'attuale disciplina obbliga chi emette la fattura ad indicare nel registro cronologico i seguenti dati:
- Data di emissione e progressivo della fattura;
- Ragione sociale o nominativo del cliente;
- Imponibile e IVA in base alla sua aliquota;
I registri della fatturazione devono sempre essere a disposizione dell'Autorità Fiscale.

Altre informazioni sulla fattura immediata
In molti casi la fattura immediata è 'erroneamente' indicata come accompagnatoria, questa deduzione seppur plausibile ha il solo significato di dimostrare che il documento emesso ha già di per sé la funzione di garanzia fiscale sulle merci vendute perché consegnata contestualmente all'acquisto del compratore e quindi non ha bisogno del più noto 'ddt', il documento di trasporto, che accompagna le merci nei casi in cui sono emesse fatture differite.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *